il progetto




dal discorso del 31 gennaio 2014:

Le nostre Commissioni di lavoro stanno proseguendo nell'elaborazione del programma elettorale e nelle prossime settimane prenderà corpo un calendario fitto di incontri sul territorio comunale e con le persone che lo vivono.
Non è questo il momento di scendere in dettagli ma possiamo anticipare qualche linea guida...
Ci occuperemo della
• la "gestione più efficace dell'emergenza sociale": di fronte a un contesto di crisi che tocca sempre più famiglie villasantesi è necessario un nuovo patto di solidarietà tra istituzione e cittadini; è necessario da una parte utilizzare le risorse, in primis per garantire i servizi essenziali alla persona, dall'altra occorre modulare le politiche fiscali su un modello di imposizione equilibrata in un'ottica di solidarietà tra cittadini; miriamo a un'allocazione più equa, quindi, delle risorse e della spesa sociale;
• occorrerà individuare nuovi canali di finanziamento, accessibili soprattutto attraverso bandi e progetti, per compensare, almeno parzialmente il taglio delle risorse e tornare a garantire il livello complessivo di servizi offerto fino a 5 anni fa, prima dell'altro taglio, a cura Lega-Pdl;
• presteremo attenzione all'ambiente e al territorio per un mix equilibrato di residenza-produttività-verde per arrivare alla miglior osmosi tra paese e Parco; e non ci dimenticheremo certo dei nodi più intricati da sciogliere, Area Nord e Ecocity, ne fantasmi ne scheletri, solo eco-mostri da affrontare su nuovi tavoli;
• occorrerà curare maggiormente la partecipazione, l'ascolto e il dialogo sociale; Villasanta, piccola ma al tempo stesso forte e vitale, deve essere aiutata nella relazione tra Amministrazione e cittadini; toccherà al Sindaco, per primo, rendersi disponibile tout court per tutti e senza limiti di tempo; se non un politico… un Sindaco amico; andranno costituiti momenti partecipativi e di confronto con i quartieri, e per questo sarà fondamentale tornare a parlare un nuovo linguaggio anche con le associazioni territoriali;

Ma non basterà gestire il presente (comunque di per sé difficile).

Allora lavoreremo anche su scala decennale; quanto costa progettare? ... perché anche questo ci serve:
• perché non possiamo rimandare ulteriormente un nuovo progetto di sviluppo e progresso della nostra comunità, un progetto che ne ricrei l'identità smarrita e che ne incrementi il patrimonio di servizi , di attrattività e di "vivibilità"; serve una scintilla, che troveremo, per ridare al nostro paese una capacità produttiva e un volto culturale andati a morire; spazio ce n'è, anche fisico; anche su tavoli sovracomunali, per ottimizzare le risorse e crescere territorialmente, non da soli, non da periferia di qualcuno... né da dormitorio vista Parco...
• perché occorre una nuova creatività amministrativa, per trovare nuovi investimenti senza costi aggiuntivi per il bilancio in campo sociale (già detto), ambientale, culturale e sportivo per una comunità che non si rassegna a "tirare a campare" ma vuole crescere ed essere pronta, quando le risorse torneranno disponibili.

Grazie



Il Punto delle Idee Luca Ornago - Presentazione

Il Punto delle Idee. La manifestazione organizzata da "Il Punto di Villasanta" che venerdi 10 maggio 2013 ha dato la parola ai cittadini per costruire il futuro della città.




Il Punto delle Idee Luca Ornago - Le Conclusioni

Ascolta l'intervento di Luca Ornago a "Il Punto delle Idee", la manifestazione organizzata da "Il Punto di Villasanta" che venerdi 10 maggio 2013 ha dato la parola ai cittadini per costruire il futuro della città.




tutto cominciò da qui...

Al Punto come direttore responsabile, insieme alla Redazione dà vita all'iniziativa Il Punto delle Idee 1 e 2 che porta oltre 30 cittadini non coinvolti nella vita politica Villasantese a portare le loro esperienze e le loro idee per il futuro del nostro paese.

Guarda i filmati delle due serate:







www.lucasindaco.it | partecipiamoci@lucasindaco.it